Biografia

Alain Daniélou è nato a Neuilly-sur-Seine il 4 Ottobre 1907.

Sua madre, fervente cattolica, fu fondatrice di un ordine religioso e delle celebri istituzioni d’insegnamento “Santa Maria”; suo padre, uomo politico bretone, anticlericale, amico di Aristide Briand, fù più volte Ministro, suo fratello Jean, scomparso nel 1974, fù nominato Cardinale da Paolo VI…

LEGGI

  • Questo documentario racconta un viaggio musicale che ripercorre la vita avventurosa di Alain Daniélou attraverso la Bretagna, l’India, Venezia, Roma. È nel palazzo di Rewa, sulle rive del Gange a Varanasi, che Daniélou e il suo compagno di vita, Raymond Burnier, fotografo svizzero, decisero di vivere per 15 anni. In questi luoghi, Daniélou si dedicò allo studio del sanscrito, fu iniziato all’induismo, e studiò la musica classica indiana e la Veena professionalmente. È a quegli anni che si deve la stesura di diversi suoi libri sulla filosofia indù, lo shivaismo e i testi vedici.
    Al suo ritorno, nel 1961, Alain Daniélou fondò e diresse l’Istituto Internazionale di Studi per la Musica Tradizionale (IITM) a Berlino, dove fu registrata la prima collezione di «World Music» per l’UNESCO.
    La Musica indiana, la danza, la religione e la tradizione a confronto con la modernità, la scultura e la filosofia sono i temi esplorati in questo documentario attraverso gli occhi e l’autobiografia di Daniélou se stesso, con un particolare focus sulla musica tradizionale indiana.

    Due telecamere Canon in full HD hanno rivelato la luminosità, il colore e la ricchezza eterna dell’ India, dove antichi rituali si mescolano quotidianamente con il moderno.
    Concerti, spettacoli di danza ed episodi di vita quotidiana si alternano ad immagini di archivio, foto e registrazioni d’epoca.

    La narrazione della vita in India di Daniélou passa attraverso Delhi, Khajuraho, Varanasi, Calcutta, Shantiniketan, Bhubaneshwar, Konarak, Puri, Gurgaon, Chennai, Mamallapuram, Pondicherry, Chidambaram, nonché la scuola e la vita a Shantiniketan, la famiglia Mishra e la loro scuola di musica, le cerimonie tradizionali, i matrimoni tra famiglie di musicisti, concerti e spettacoli.
    In Europa, i luoghi significativi e gli amici di Daniélou: Venezia, dove ha fondato l’Istituto Internazionale di Studi Musicali Comparati (ora parte della Fondazione Giorgio Cini a San Giorgio Maggiore), Zagarolo non lontano da Roma, dove nel 1969 ha creato la Fondazione Harsharan, ora FIND – Fondazione India-Europa di Nuovi Dialoghi, che è per altro l’ente finanziatore del film documentario. Inoltre Berlino, Parigi, Losanna, Bretagna e New York.

    Il Materiale in HD è arricchito dalle preziose foto di archivio della Fondazione FIND, circa 9.000 fotografie originali, scattate in India tra il 1935 e il 1955 da Alain Daniélou e Raymond Burnier. Daniélou e Burnier, percorrendo l’India alla guida di un roulotte, la prima a sbarcare nel sub-continente, sono stati i primi occidentali a fotografare i templi indiani quasi sconosciuti in Occidente all’epoca. Queste fotografie sono state poi presentate nelle più grandi esposizioni internazionali a Parigi (1948), Roma (1949) e New York (Metropolitan Museum, 1949).

    Si aggiungono diverse interviste ad amici, conoscenti di Alain Daniélou, musicisti, ballerini, musicologi:

    Sophie Bassouls, Bettina Baumer, Nicola Biondi, Abani Biswas, Carla Bonò, C.V. Chandrasekhar, Debu Chaudury, Subroto Roy Chowdury, Jacques Cloarec, Jean Paul Cluzel, Werner Durand, Giovanni Giuriati, Lars Koch, Yamini Krishnamurti, André Kudelski, Raghunath Manet, Maria Grazia Marchianò, Gabriel Matzneff, Amarnath Mishra, Neeraj Mishra, Ravi Shankar Mishra, Dominique Nabokov, Savitry Nair, Jean Pierre Pastori, Marie-Claude Pietragalla, Ritwik Sanyal, Malavika Sarukkai, Mallika Sarabhai Dance Company, Shantala Shivalingappa, Reba Som, Padma Subramanyam, Shubdal Tinkari, Emanuele Trevi, Ivan Vandor, Kapila Vatsyayan, Roman Vlad, Eric Vu An, Albrecht Wiedmann.

    Altre interviste:

    Taru Kanti Basu, Samuel Berthet, Ugo Bonessi, Radha Burnier, Silvano Bussotti, Francesca Cassio, Claude Cellier, Jean Clausel, Amelia Cuni, Kenneth Hurry, Swaminathan Kalidas, Krishan Kannah, Anand Krishna, Stefan Kudelski, André Larquié, Giorgio Milanetti, Bernard Mueller, Peter Pannke, Roberto Perinu, Guillaume Pires, Anne Prunet, Harihara Raghavan, Bodhirupa Sinha, Alberto Sorbelli, Raffaele Torella, Anne Tual.
    La maggior parte di queste interviste si tradurrà in un DVD e andrà ad arricchire gli archivi della Fondazione FIND.

    Proiezioni

    • Marzo 2018

      Roma
      18 marzo ore 11 – Cinema Farnese

    • Febbraio 2018

      Roma
      6 febbraio ore 21.00 – MAXXI
      8 febbraio ore 21 – Cinema Apollo
      9 febbraio ore 21 – Cinema Farnese

      Parigi
      15 febbraio 17.30 – IRCAM
      evento su invito

      Padova
      17 febbraio ore 21.00 – Teatro Barbarigo

      Firenze
      27 febbraio ore 21.00 – Cinema Odeon

    • Ottobre 2017

      Zurigo • ESPOSIZIONE Alice Boner in India
      11 ottobre 19pm IIC, Museo Rietberg

      Santarcangelo di Romagna
      24/25 ottobre 9.15pm Supercinema

      Lugano • FOCUS INDIA
      27 ottobre 18:30 LAC / Sala 4

      Venezia • Fondazione FIND / Fondazione CINI
      26 ottobre ore 19 Cinema Rossini

      Mantova
      30 ottobre ore 21 Cinema del Carbone

    • Settembre 2017

      Treviso • SOLELUNA DOC FILM FESTIVAL
      15 settembre ore 21 Ca ‘dei Ricchi

      Firenze • FESTIVAL DEL FILM ETNOMUSICALE
      17 settembre ore 21 Cinema della Compagnia

      Padova
      27 settembre ore 21 Cinema Lux

    • Luglio 2017

      Palermo • SOLELUNA DOC FILM FESTIVAL
      8 luglio ore 22.30 Chiesa dello Spasimo

    • Giugno 2017

      Padova • RIVER FILM FESTIVAL
      30 giugno ore 21.30 Porta Portello

      Roma • SUMMERMELA FESTIVAL
      29 giugno ore 21 Cinema Farnese

      Ravenna • RAVENNA FESTIVAL
      22 giugno ore 18 Teatro Alighieri

      Bologna • BIOGRAFILM Anteprima italiana
      15 giugno ore 19.30 Cinema Jolly
      19 giugno ore 15.30 Cinema Lumiere

    • Aprile 2017

      Nyon • VISION DU REEL World Premiere
      24 aprile alle 15.45 Teatro de Marens
      25 aprile alle 10:30 Capitol Fellini

  • Questo documentario racconta un viaggio musicale che ripercorre la vita avventurosa di Alain Daniélou attraverso la Bretagna, l’India, Venezia, Roma. È nel palazzo di Rewa, sulle rive del Gange a Varanasi, che Daniélou e il suo compagno di vita, Raymond Burnier, fotografo svizzero, decisero di vivere per 15 anni. In questi luoghi, Daniélou si dedicò allo studio del sanscrito, fu iniziato all’induismo, e studiò la musica classica indiana e la Veena professionalmente. È a quegli anni che si deve la stesura di diversi suoi libri sulla filosofia indù, lo shivaismo e i testi vedici.
    Al suo ritorno, nel 1961, Alain Daniélou fondò e diresse l’Istituto Internazionale di Studi per la Musica Tradizionale (IITM) a Berlino, dove fu registrata la prima collezione di «World Music» per l’UNESCO.
    La Musica indiana, la danza, la religione e la tradizione a confronto con la modernità, la scultura e la filosofia sono i temi esplorati in questo documentario attraverso gli occhi e l’autobiografia di Daniélou se stesso, con un particolare focus sulla musica tradizionale indiana.

    Due telecamere Canon in full HD hanno rivelato la luminosità, il colore e la ricchezza eterna dell’ India, dove antichi rituali si mescolano quotidianamente con il moderno.
    Concerti, spettacoli di danza ed episodi di vita quotidiana si alternano ad immagini di archivio, foto e registrazioni d’epoca.

    La narrazione della vita in India di Daniélou passa attraverso Delhi, Khajuraho, Varanasi, Calcutta, Shantiniketan, Bhubaneshwar, Konarak, Puri, Gurgaon, Chennai, Mamallapuram, Pondicherry, Chidambaram, nonché la scuola e la vita a Shantiniketan, la famiglia Mishra e la loro scuola di musica, le cerimonie tradizionali, i matrimoni tra famiglie di musicisti, concerti e spettacoli.
    In Europa, i luoghi significativi e gli amici di Daniélou: Venezia, dove ha fondato l’Istituto Internazionale di Studi Musicali Comparati (ora parte della Fondazione Giorgio Cini a San Giorgio Maggiore), Zagarolo non lontano da Roma, dove nel 1969 ha creato la Fondazione Harsharan, ora FIND – Fondazione India-Europa di Nuovi Dialoghi, che è per altro l’ente finanziatore del film documentario. Inoltre Berlino, Parigi, Losanna, Bretagna e New York.

    Il Materiale in HD è arricchito dalle preziose foto di archivio della Fondazione FIND, circa 9.000 fotografie originali, scattate in India tra il 1935 e il 1955 da Alain Daniélou e Raymond Burnier. Daniélou e Burnier, percorrendo l’India alla guida di un roulotte, la prima a sbarcare nel sub-continente, sono stati i primi occidentali a fotografare i templi indiani quasi sconosciuti in Occidente all’epoca. Queste fotografie sono state poi presentate nelle più grandi esposizioni internazionali a Parigi (1948), Roma (1949) e New York (Metropolitan Museum, 1949).

    Si aggiungono diverse interviste ad amici, conoscenti di Alain Daniélou, musicisti, ballerini, musicologi:

    Sophie Bassouls, Bettina Baumer, Nicola Biondi, Abani Biswas, Carla Bonò, C.V. Chandrasekhar, Debu Chaudury, Subroto Roy Chowdury, Jacques Cloarec, Jean Paul Cluzel, Werner Durand, Giovanni Giuriati, Lars Koch, Yamini Krishnamurti, André Kudelski, Raghunath Manet, Maria Grazia Marchianò, Gabriel Matzneff, Amarnath Mishra, Neeraj Mishra, Ravi Shankar Mishra, Dominique Nabokov, Savitry Nair, Jean Pierre Pastori, Marie-Claude Pietragalla, Ritwik Sanyal, Malavika Sarukkai, Mallika Sarabhai Dance Company, Shantala Shivalingappa, Reba Som, Padma Subramanyam, Shubdal Tinkari, Emanuele Trevi, Ivan Vandor, Kapila Vatsyayan, Roman Vlad, Eric Vu An, Albrecht Wiedmann.

    Altre interviste:

    Taru Kanti Basu, Samuel Berthet, Ugo Bonessi, Radha Burnier, Silvano Bussotti, Francesca Cassio, Claude Cellier, Jean Clausel, Amelia Cuni, Kenneth Hurry, Swaminathan Kalidas, Krishan Kannah, Anand Krishna, Stefan Kudelski, André Larquié, Giorgio Milanetti, Bernard Mueller, Peter Pannke, Roberto Perinu, Guillaume Pires, Anne Prunet, Harihara Raghavan, Bodhirupa Sinha, Alberto Sorbelli, Raffaele Torella, Anne Tual.
    La maggior parte di queste interviste si tradurrà in un DVD e andrà ad arricchire gli archivi della Fondazione FIND.

    Proiezioni

    • Marzo 2018

      Roma
      18 marzo ore 11 – Cinema Farnese

    • Febbraio 2018

      Roma
      6 febbraio ore 21.00 – MAXXI
      8 febbraio ore 21 – Cinema Apollo
      9 febbraio ore 21 – Cinema Farnese

      Parigi
      15 febbraio 17.30 – IRCAM
      evento su invito

      Padova
      17 febbraio ore 21.00 – Teatro Barbarigo

      Firenze
      27 febbraio ore 21.00 – Cinema Odeon

    • Ottobre 2017

      Zurigo • ESPOSIZIONE Alice Boner in India
      11 ottobre 19pm IIC, Museo Rietberg

      Santarcangelo di Romagna
      24/25 ottobre 9.15pm Supercinema

      Lugano • FOCUS INDIA
      27 ottobre 18:30 LAC / Sala 4

      Venezia • Fondazione FIND / Fondazione CINI
      26 ottobre ore 19 Cinema Rossini

      Mantova
      30 ottobre ore 21 Cinema del Carbone

    • Settembre 2017

      Treviso • SOLELUNA DOC FILM FESTIVAL
      15 settembre ore 21 Ca ‘dei Ricchi

      Firenze • FESTIVAL DEL FILM ETNOMUSICALE
      17 settembre ore 21 Cinema della Compagnia

      Padova
      27 settembre ore 21 Cinema Lux

    • Luglio 2017

      Palermo • SOLELUNA DOC FILM FESTIVAL
      8 luglio ore 22.30 Chiesa dello Spasimo

    • Giugno 2017

      Padova • RIVER FILM FESTIVAL
      30 giugno ore 21.30 Porta Portello

      Roma • SUMMERMELA FESTIVAL
      29 giugno ore 21 Cinema Farnese

      Ravenna • RAVENNA FESTIVAL
      22 giugno ore 18 Teatro Alighieri

      Bologna • BIOGRAFILM Anteprima italiana
      15 giugno ore 19.30 Cinema Jolly
      19 giugno ore 15.30 Cinema Lumiere

    • Aprile 2017

      Nyon • VISION DU REEL World Premiere
      24 aprile alle 15.45 Teatro de Marens
      25 aprile alle 10:30 Capitol Fellini